23 febbraio 2020 - 09 marzo 2020

Ennedi, Laghi a arte rupestre del Sahara | CHAD

Itinerario in 16 giorni

Da N’Djamena, capitale del paese, affacciata sul fiume Chari, si inizia il viaggio verso nord, entrando in un ambiente tipicamente saheliano caratterizzato da coltivazioni di sorgo e miglio, da una vegetazione di transizione, e frequentato da numerosi nomadi Kanembou, Peul, Kereda  Daza e Arabi ciadiani. Seguiremo per tutta la sua lunghezza verso nord, fino al villaggio di Salal, il Bahr el Ghazal, il fiume delle gazzelle, antico emissario del paleochad. Si piega a est per imboccare il grande oued Achim, fino al villaggio di Oum Chalouba-Kalait, ai limiti settentrionali della regione del Ouaddai. Qui si incontra la direttrice principale che collega la cittá di Abeché all’oasi di Fada, sulla quale proseguiremo verso nord, passando da Sahel a Sahara per raggiungere la parte meridionale del massiccio arenaceo dell’Ennedi e le gole di Archeï: un verdissimo oued si snoda tra torri di arenaria dalle forme bizzarre fino alla splendida guelta, importantissimo punto d’acqua, in cui sopravvivono alcuni esemplari di coccodrilli.

Siamo in uno dei luoghi più affascinanti di tutto il Sahara, ricco di flora e di fauna e intensamente frequentato dai nomadi.

Nelle grotte di Archeï e in altri ripari poco lontani, si possono ammirare importanti e originali esempi di archeologia rupestre costituenti una particolare “eccezione stilistica” nel complesso mosaico dell’intera preistoria sahariana.

Capoluogo della regione è Fada, caratteristica oasi desertica, costituita da case in banco riunite intorno al forte coloniale francese e al mercato. Il circuito prosegue verso nord; attraversando prima la parte settentrionale del massiccio e poi la regione sabbiosa del Mourdi raggiungeremo le saline di Démi e Téguédeï fonte di un vitale commercio di piccole carovane verso gli importanti mercati del Waddaï. Si punta ora alla regione di Ounianga, sede d’elezione dei nomadi Ounias, dove sorprendenti laghi circondati da palmeti e da falesie di arenaria multicolore tra cui si insinuano sipari di dune, formano un “quadro” tra i più inaspettati e affascinanti di tutto il Sahara. In direzione sud-ovest,superato l’Erg Djourab raggiungeremo la regione di diatomititi fossili di Koro Toro per ritrovare, infine, al villaggio di Koubba Oulanga la grande pista del Bahr el Ghazal che ci riporterà a N’Djamena.

 

PROGRAMMA DETTAGLIATO

 

1° giorno 
MILANO MALPENSA- N’DJAMENA

Partenza da Milano per N’Djamena, capitale del Chad con voli di linea. Arrivo in serata. Disbrigo delle formalità aeroportuali e trasferimento in hotel. Le Meridien (5*paragonabile ad un 3*). Cena libera e pernottamento.

 

2° giorno  e 3° giorno 
N’DJAMENA – ABECHE

Inizio della spedizione: si percorrono i primi chilometri di asfalto, sulla direttrice che collega N’Djamena via Bahr el Ghazal alla importante oasi di Faya . Raggiunto il grande villaggio di Massaguet, lasciamo la strada che punta decisamente a Nord per continuare sempre su asfalto in direzione Est. Immersi in una dimensione di verace e autentica Africa saheliana in cui si susseguono senza soluzione di continuità villaggi e mercati, supereremo gli abitati di Ab Toyour, Bitkine, Mongo ed Oum Hadjer attraversando la splendida e vivissima regione del Guerà, costellata dai suoi picchi granitici e sede appunto di alcuni dei mercati più ricchi del Ciad. Al villaggio di  Ab Toyour, dominato dall’omonimo picco granitico conosciuto anche come “montagna degli avvoltoi” una sosta sarà d’obbligo per ammirare lo splendido paesaggio e scattare qualche foto.

Sempre via asfalto arriveremo ad  Abeche, antica capitale del Ciad oggi capoluogo della regione del Ouaddai e uno dei centri più importanti dell’intero Paese.

 

4° giorno – 7° giorno 
KALAIT – Regione di ARCHEÏ

Da Abeche, lasciamo definitivamente l’asfalto e prendiamo la pista che punta in direzione Nord verso il villaggio di Biltine. Superato il piccolo villaggio di Arada, l’ambiente saheliano lascia progressivamente spazio al deserto.  Percorriamo e superiamo i tipici Goz delle regione, dune morte ricoperte da vegetazione bassa, i nomadi e semi-nomadi pastori sostituiscono le popolazioni di agricoltori che abbiamo incontrato fino a qui.

Raggiungiamo finalmente Kalait, vero crocevia Sahariano per i suoi traffici, e puntiamo verso Nord. Siamo in una regione ormai desertica, ai confini meridionali dell’Ennedi, abitata dalle popolazioni Gaeda, Tama e Zagawa, allevatori seminomadi. Ci addentriamo in questo massiccio seguendo la direzione del oued Archeï, gigantesco letto di fiume verdeggiante con direzione idrografica Nord-Est Sud-Ovest, costeggiato e delimitato da una magnifica serie di formazioni tassiliane arenacee, che assumono forme stravaganti di castelli e cattedrali lambiti da sinuose lingue di sabbia.

L’oued, che si snoda per una trentina di chilometri, termina in un grande anfiteatro roccioso e verdeggiante da cui iniziano le vere e proprie gole dell’omonima guelta, punto d’acqua permanente dove è facile incontrare nomadi Toubou con le proprie mandrie di cammelli. Punto d’acqua e fulcro di vita, la millenaria guelta è l’incredibile sede degli ultimi esemplari viventi di coccodrilli sahariani (cocodrilus niloticus), testimonianza di epoche remote. Nell’intera regione di Archeï, immerse in un paesaggio di indimenticabile bellezza, si trovano, sparse qua e là in ripari naturali, considerevoli stazioni di pitture rupestri, eseguite da antiche culture sconosciute che sono arrivate fino a noi lasciandoci il difficile ma divertente compito dell’interpretazione.

 

8° giorno – 10° giorno 
FADA- MOURDI- DERBILI – TEGUEDEI – Laghi di OUNIANGA

Si raggiunge la pista che collega Monou a Fada e la si segue in direzione Nord, fino a Fada, prefettura dell’Ennedi, caratteristico villaggio sahariano costituito da case in banco riunite attorno al vecchio forte coloniale francese e al piccolo mercato.

Il nucleo abitato è contenuto in un’oasi verdeggiante con numerose palme da dattero, situato all’interno del massiccio. Le principali etnie della regione sono: Gaeda, Bideyat e Zagawa, a cui appartiene l’attuale presidente Idriss Déby.

Terminate le formalità burocratiche, si lascia Fada e si inizia la traversata del massiccio: saliremo lentamente di quota lungo una difficile pista sassosa e sabbiosa, che ci porterà nel Mourdi, vasta regione di cordoni dunari e gruppi montuosi isolati.

Si prosegue in direzione nord nord-est passando alcuni difficili cordoni di dune del Mourdi e immettersi nel Derbili, altro sistema di dune barcane che porta agli ultimi contrafforti rocciosi settentrionali dell’Ennedi. Si sta seguendo l’antica pista carovaniera che collegava le saline delle regioni di Ounianga, Demi e Teguedei ai villaggi chadiani del Sud e alle oasi libiche del Nord.

Si continua in direzione di pieno nord fino all’Eyo Demi, formazione arenacea rossastra ai piedi della quale sorge l’omonimo villaggio, costituito da pochissime palme e da povere abitazioni in terra. Questo nucleo abitato, situato in un ambiente assolutamente selvaggio ed inospitale, vive sull’esiguo commercio del “sale rosso cristallino”, ricavato da saline a cielo aperto con un metodo di estrazione rudimentale, che viene poi portato dalle carovane, soprattutto di Tébu Ounias, nelle oasi del sud e scambiato con generi alimentari di prima sussistenza (miglio, sorgo); lungo il tragitto è possibile l’incontro con una di queste carovane.

Da Demi si piega a ovest verso la falesia di Ounianga Serir, passando per Teguedei, il primo lago del sistema lacustre di Ounianga, sprofondato in una conca sabbiosa circondata da palme e da quinte rocciose. Sosta nel miglior punto panoramico.

Sempre verso ovest, si raggiungono i primi laghi dell’oasi di Ounianga Serir. Paesaggio incredibile: laghi circondati da palmeti che spuntano insospettati dalla sabbia, formazioni rocciose di arenaria multicolore dal bianco al rosso e bionde dune che discendono fino all’acqua, costituiscono una delle visioni più inusuali di tutto il paesaggio sahariano. L’acqua è dolce e affiora dalla sabbia ma data l’alta salinità del terreno, i laghi sono molto salati con diverse densità e colorazioni, dal blu al verde, rispettivamente più o meno salati oppure completamente dolci. Possibile nuotata nei laghi, occasione non certo frequente nel Sahara.

 

11° giorno – 15° giorno
OUNIANGA – BICHAGARA – KALAIT – ABECHE – N’DJAMENA

Da Ounianga ci dirigiamo a sud verso Kora, una delle porte d’ingresso al massiccio dell’Ennedi. Il paesaggio inizialmente brullo e desolante diventa via via più accattivante con piccoli Tassili e lingue di sabbia. Le macchine sbuffano e faticano in questo terreno misto ed impegnativo. Superate le ultime difficili dune di Kora percorreremo velocemente la piana che superato il pozzo di Ouei ci condurrà alle magnifiche cattedrali arenacee di Bichagara, isole di pietra ad ovest del massiccio, note anche per il loro sito di pitture rupestri. per poi immetterci nella grande pista che costeggiando l’Ennedi ci ricondurrà fino a Kalait per gli ultimi rifornimenti.

Seguiamo ora il corso naturale del Oued Achim (ci troviamo in un ambiente molto selvaggio e ricco di animali come gazzelle Dorcas, otarde, iene e sciacalli) e da qui le piane desertiche che ci porteranno all’incrocio con il Barh El Ghazal vicino al villaggio di Koro Toro . L’ambiente è quasi privo di insediamenti se non le poche tende dei nomadi arabi che vivono di pastorizia e della raccolta di graminacee selvatiche, in una dimensione per noi irreale. Si entra a questo punto nel Bahr el Ghazal, il fiume delle gazzelle, antico emissario del paleochad, che seguiremo verso sud, entrando nella regione del Kanem.

Nel pomeriggio del 15° giorno arrivo a N’Djamena previsto per il primo pomeriggio. Camere day-use ( 3/4 clienti per camera)  disponibili per una doccia e un po’ di relax. Cena libera.  In serata partenza con volo di rientro in Italia via scalo internazionale.

16° giorno 
MILANO MALPENSA

In mattinata arrivo a Milano Malpensa.

 

BENE A SAPERSI PRIMA DELLA PARTENZA
  • 3300 Km di pista e fuoripista su vetture fuoristrada 4×4.
  • Tappe quotidiane da 5 a 6 ore.
  • Tutto il materiale da campo per i pernottamenti in tenda (eccetto sacco a pelo ed eventuale cuscino).
  • Un pernottamento in hotel 5* a N’Djamena. Teniamo a precisare che lo standard è assolutamente inferiore, è paragonabile ad un 3*.
  • Pasti preparati da un cuoco esperto, servita su tappeti sahariani a mezzogiorno su tavolo con seggiole la sera.
  • Clima caldo secco con escursioni termiche notturne, forti soprattutto in Dicembre e Gennaio. Possibile vento di sabbia.
  • Obbligatorio visto consolare e vaccino Febbre Gialla, consigliata profilassi anti-malarica.
  • B.: IL CIRCUITO POTRA’ ESSERE SVOLTO IN SENSO CONTRARIO E POTRA’ SUBIRE CAMBIAMENTI SULLA TRATTA N’DJAMENA – KALAIT, SENZA CHIARAMENTE ALTERARE LA PARTE CENTRALE DEL VIAGGIO NELLA REGIONE DELL’ENNEDI.

 

Quota Individuale di partecipazione da Milano
Minimo 8 partecipanti€ 3.900,00

Con Capo Spedizione Kel 12 e guida-autista parlante francese.

Massimo 15 partecipanti

Supplementi per persona

Supplemento singola€ 215,00
Tasse aeroportuali/fuel surcharge€ 400,00
Alta stagione voli20/12/2018 – 10/01/2019 20/12/2019 – 10/01/2020 20/12/2020 – 10/01/2021€ 280,00
Suppl. partenza da altre città (su richiesta e soggetto a disponibilità)€ 100,00
Visto€ 100,00
Spese di ottenimento visto€ 110,00
Spese di ottenimento visto – Urgente€ 130,00
Base 6€ 300,00
Base 7 (Con guida-autista parlante francese)€ 180,00

 

Organizzazione tecnica Kel 12 Tour operator s.r.l.

Quota di gestione pratica € 80,00

 

Scheda Tecnica

A) Ogni nostro programma di viaggio riporta il tasso di cambio utilizzato per il calcolo delle quote e la percentuale pagata in valuta estera. Ogni programma di viaggio riporta altresì la validità dello stesso.

B) Le modalità e le condizioni di sostituzione del viaggiatore sono disciplinate dall’art. 39 del Codice del Turismo.

C) Richieste di variazioni alle pratiche o ai servizi già confermati potrebbero comportare costi aggiuntivi.

D) Al viaggiatore che receda dal contratto di viaggio prima della partenza, al di fuori delle ipotesi elencate al comma 1 dell’art. 10 delle condizioni generali di contratto di viaggio o nel caso previsto dall’art. 7 comma 2, indipendentemente dal pagamento dell’acconto di cui art. 7 comma 1, sarà addebitato l’importo della penale nella misura indicata qui di seguito:

– 10% fino a 45 giorni di calendario prima della partenza;

– 20% da 44 a 31 giorni di calendario prima della partenza;

– 30% da 30 a 18 giorni di calendario prima della partenza;

– 50% da 17 a 10 giorni di calendario prima della partenza;

– 75% da 9 giorni di calendario a 3 giorni lavorativi (escluso comunque il sabato) prima della partenza;

– 100% dopo tali termini.

Salvo diverse indicazioni presenti nel programma di viaggio.

Nessun rimborso sarà accordato a chi non si presenterà alla partenza o rinuncerà durante lo svolgimento del viaggio stesso.

Rimarrà sempre a carico del viaggiatore il costo individuale di gestione pratica, il corrispettivo di coperture assicurative ed altri servizi eventualmente già resi.

Il calcolo dei giorni per l’applicazione delle penali di annullamento inizia il giorno successivo alla data di comunicazione della cancellazione e non include il giorno della partenza.

La copertura assicurativa è un prerequisito alla conclusione del contratto.

 

Assicurazione

Ciascun passeggero all’atto della prenotazione sarà tenuto ad effettuare il pagamento del premio assicurativo relativo al costo individuale del viaggio, cosi come determinato dalla tabella premi seguente:

 

Costo individuale del viaggio fino aPremio individuale
€     500,00€ 24,00
€  1.000,00€ 40,00
€  2.000,00€ 68,00
€  3.000,00€ 98,00
€  4.000,00€ 128,00
€  5.000,00€ 159,00
€  6.000,00€ 190,00
€  7.000,00€ 200,00

 

Le condizioni di polizza sono riportate sul sito www.kel12.com e riguardano sia l’assicurazione medico-bagaglio che l’assicurazione che copre dal rischio delle penali di annullamento.

Il possesso dell’assicurazione è requisito indispensabile per l’effettuazione del viaggio.

N.B: dal 1° ottobre 2018 Tour Operator e agenzie di viaggio non posso emettere assicurazioni con un valore del premio individuale superiore a euro 200,00. In questi casi il viaggiatore dovrà provvedere direttamente alla stipula della polizza necessaria all’iscrizione al viaggio assistiti dalla propria agenzia di viaggio.

 

Quote in Euro, non soggette ad adeguamenti valutari.

 

Le quote comprendono

  • trasporto aereo Milano – N’Djamena (Chad) a/r con volo di linea in classe economica
  • l’assistenza negli aeroporti in Chad da parte del nostro corrispondente
  • la sistemazione è in tenda per 13 notti, in hotel a Ndjamena (Meridien 4* paragonabile ad un 3*)
  • trasporti interni in fuoristrada
  • trattamento di pensione completa tranne i pasti a N’Djamena
  • Tutto il materiale da campo eccetto sacco a pelo e cuscino.
  • Capo Spedizione Kel 12
  • guida/autista locale parlante francese per tutta la durata del viaggio
  • ingressi, tasse e percentuali di servizio

 

Le quote non comprendono

  • Il visto
  • eventuali bretelle di collegamento ad altre città che non siano quella di itinerario
  • eventuali tasse d’imbarco da saldare in loco alla partenza
  • le tasse aeroportuali, il fuel surcharge
  • i pasti e le bevande a N’Djamena
  • le mance
  • il facchinaggio (né negli aeroporti né negli hotel)
  • eventuali escursioni facoltative
  • tutto quanto non espressamente indicato nel programma

 

PartenzaRientroStagionalitàNote
18/03/2018 (domenica)02/04/2018 (lunedì)
21/10/2018 (domenica)05/11/2018 (lunedì)
21/12/2018 (venerdì)05/01/2019 (sabato) 

Alta Stagione Voli

08/02/2019 (venerdì)23/02/2019 (sabato)
08/03/2019 (venerdì)23/03/2019 (sabato)
25/10/2019 (venerdì)09/11/2019 (sabato)
20/12/2019 (venerdì)04/01/2020 (sabato) 

Alta Stagione Voli

23/02/2020 (domenica)09/03/2020 (lunedì)
25/10/2020 (domenica)09/11/2020 (lunedì)
22/12/2020 (martedì)06/01/2021 (mercoledì) 

Alta Stagione Voli

 

Informazioni pratiche Chad

 

FORMALITÀ

Passaporto individuale con validità minima di 6 mesi dalla data di arrivo nel Paese. Per l’ingresso nel paese è richiesto un visto che si ottiene anche tramite la nostra organizzazione previo pagamento dei diritti dovuti. Per questo sono necessari: 2 foto-tessera, 2 copie del certificato internazionale di vaccinazione contro la febbre gialla da far pervenire via e-mail, 2 copie del modulo dell’Ambasciata del Tchad (Parigi) debitamente compilate e firmate (ENTRAMBE LE COPIE DEVONO ESSERE FIRMATE IN ORIGINALE), Immigration Fiche 1 e 2 compilate. Tutti i moduli di richiesta visto sopra elencati verranno forniti da Kel 12.

IMPORTANTE: occorrono 2 fototessera all’arrivo in Tchad, richieste dall’ufficio immigrazione.

E’ consigliato portare con se in loco una copia delle fiches d’immigration inoltrate alla conferma di prenotazione , così da agevolare le procedure di registrazione che avverranno all’arrivo.

 

 

DISPOSIZIONI SANITARIE

È obbligatoria la vaccinazione contro la febbre gialla.

L’OMS durante la 67° Assemblea Mondiale della Sanità, modifica il periodo di validità della vaccinazione contro la febbre gialla, estendendolo da 10 anni a tutta la vita, senza necessità di richiami. Per maggiori informazioni:

http://www.salute.gov.it/portale/news/p3_2_1_1_1.jsp?lingua=italiano&menu=notizie&p=dalministero&id=2602

È consigliata la profilassi antimalarica, che deve essere iniziata una settimana prima dell’arrivo in luogo e proseguita per 4 settimane dopo il rientro. Consigliamo in ogni modo di rivolgersi al proprio Ufficio d’Igiene Provinciale per informazioni più dettagliate.  Si raccomanda di portare con sé nel bagaglio a mano le medicine di uso personale. Consigliati collirio e antidiarroici.

 

CLIMA

Il Tchad presenta un clima prevalentemente secco e temperato/caldo con notevoli escursioni termiche fra giorno e notte. Nei mesi di ottobre-novembre e marzo-aprile, le giornate sono piuttosto calde (20/35 gradi) e le serate tiepide. Nei mesi invernali  (dicembre-febbraio) le giornate sono tiepide e le notti a volte fredde (5/10 gradi).

 

ABBIGLIAMENTO CONSIGLIATO

Dato il clima di carattere desertico caldo arido, spesso privo di umidità e quasi sempre ventilato, e l’impossibilità di provvedere alla pulizia dei propri indumenti, si consigliano capi di abbigliamento di tessuto robusto e di colori poco delicati.

Per esperienza l’elenco di base può essere il seguente:

camicie o magliette di cotone / o in tessuto dry

pantaloni di tela

calze di cotone

scarpe robuste e comode adatte per camminare

un paio di sandali tipo tela (allacciature in velcro) utilizzabili anche per l’ eventuale doccia in albergo

occhiali da sole

costume da bagno

cappello di tela

foulard di cotone

pila tascabile /frontale con due ricariche

coltello da tasca

asciugamani

carta igienica

fazzoletti detergenti

manopola di spugna

copricapo caldo

una giacca a vento

una maglia intima di lana/capilene

un maglione di lana/pile spesso

calze pesanti

se la ritenete comoda, una tuta da ginnastica da indossare al campo

Gli indumenti pesanti sono  indispensabili solo nei mesi di Dicembre e Gennaio unitamente a una giacca imbottita di piumino.

 

Per i pernottamenti occorre:

  • 1 sacco a pelo
  • 1 piccolo cuscino

 

E’ preferibile fare uso di bagagli non rigidi, che sono di più facile sistemazione durante la spedizione e ad apertura orizzontale per la più facile reperibilità del contenuto. Il peso complessivo del bagaglio personale, apparecchiatura fotografica esclusa, non deve superare i 15Kg.

 

FUSO ORARIO

stessa ora rispetto all’Italia;  – 1 h quando in Italia vige l’ora legale.

 

VALUTA

In Tchad ha corso il franco CFA (XOF), a convertibilità fissa di 1 Euro = 656 CFA circa. I contanti e i traveller’s cheque si cambiano, senza problemi, agli sportelli delle banche e alla reception di alcuni hotel. Anche le carte Visa e American Express permettono di effettuare prelievi agli sportelli bancari. Non esistono bancomat. La MasterCard è di utilizzo molto limitato. Le banche sono aperte dal lunedì al sabato dalle 7:00 alle 13:00 e il venerdì dalle 7:00 alle 10:30.

Per quanto riguarda l’ammontare di valuta da portare durante il viaggio bisogna prevedere una spesa di circa 150 Euro, non calcolando gli eventuali acquisti di souvenir personali. Le banconote XOF sono da 500, 1000, 2500, 5000, 10000.  Le monete da 5,10,25,50,100,250.

 

LINGUA

Il francese e l’arabo sono le lingue ufficiali della Repubblica del Ciad. Altre lingue principali parlate in Ciad sono il sara, il turku, l’hausa, il pular, il baguirmi e il boulala.

 

RELIGIONE

Circa il 51% della popolazione è di religione musulmana. I cristiani sono all’incirca il 35% ed il restante 7% sono animisti.

Nel nord del Ciad vi sono delle popolazioni di origine berbera, praticanti l’islam e divisi in diversi clan di appartenenza, nella zona centrale vi sono invece gli arabi, termine con il quale si intende tutte le altre collettività di religione e cultura islamica, mentre nel sud, dove il culto musulmano non è riuscito a radicarsi gli abitanti seguono per una minoranza il cattolicesimo e per la gran parte le varie credenze locali riassumibili sotto la categoria religiosa di animismo.

 

PREFISSI TELEFONICI

Per telefonare dall’Italia in Tchad il prefisso è il seguente: 00235 + prefisso della città senza lo 0 + numero dell’abbonato.

Per telefonare in Italia dal Tchad il prefisso internazionale è: 0039 + prefisso della città con lo 0 + numero dell’abbonato.

Telefonare è abbastanza facile solo da Ndjamena. Esiste copertura per i cellulari GSM, soprattutto nelle località principali. Si raccomanda un uso moderato del proprio cellulare e nel rispetto degli altri partecipanti, soprattutto nelle aree comuni.

 

 

CINE/FOTO

Si consiglia di munirsi di una adeguata scorta di materiale fotografico dall’Italia. Portare con sè le batterie di ricambio, le pellicole necessarie per l’intero viaggio e l’occorrente per  pulire macchina ed obiettivi. È importante proteggere le apparecchiature dal sole, dalla polvere e dall’umidità. Certe situazioni della vita quotidiana e determinati luoghi di culto (dove si svolgono le preghiere, i funerali, etc.) sono sacri e vanno rispettati. È proibito, per ragioni di sicurezza militare, fotografare ponti, aeroporti e stazioni ferroviarie.

Una particolare attenzione va data nel fotografare la gente; chiedere prima il permesso, rispettando l’eventuale decisione negativa dell’interpellato. Evitare di consegnare denaro in cambio di fotografie e, più in generale, non distribuite caramelle, medicine, penne ed altri inutili oggetti occidentali che, trasformano l’ambiente sociale del Paese visitato incoraggiando l’accattonaggio e minando la salute della gente.

Per chi avesse il problema di ricaricare le batterie della videocamera, o necessitasse di corrente elettrica, vi facciamo notare che le uniche fonti di energia sono le prese degli accendisigari all’interno delle vetture

 

VOLTAGGIO

In Tchad il voltaggio in uso è 220 V a 50 cicli al secondo. Le prese sono diverse da quelle italiane. Si consiglia di munirsi di spina universale.

 

CUCINA

Le diversità culturali e le difficili condizioni di convivenza fanno del Tchad un luogo dove l’arte culinaria si intreccia con l’identità vera e propria di una tribù. Accanto alle pietanze più tipiche della cultura islamica, ricche di spezie ed aromi, si segnala il consumo, in alcune popolazioni del sud del Tchad di un’alga di colore bluastro con la quale si preparano sia minestre che gallette

 

ACQUISTI

Il Tchad possiede un artigianato molto ricco: tappeti in cuoio di cammello, ogni tipo di accessori per l’abbigliamento in pelle, abiti di cotone ricamati, zucche decorate, armi e coltelli, vasellame, oggetti decorativi in rame. I negozi sono aperti dal martedì al sabato, dalle ore 9:00 alle ore 12:30 e dalle ore 16:00 alle ore 19:30. I negozi di alimentari sono aperti anche la domenica mattina. Il mercato principale di N’Djamena è aperto dalle ore 7:30 fino al tramonto.

 
Informazioni generali

 

NORME E SUGGERIMENTI RELATIVI AL VOLO

 

Biglietto aereo

Desideriamo portare alla vostra attenzione, che dal 1 giugno 2008, in conformità con le disposizioni IATA (International Air Transport Association: associazione internazionale che rappresenta 240 compagnie aeree e il 94% del traffico aereo internazionale di linea), non si potranno più emettere biglietti aerei cartacei. Questi documenti di viaggio sono stati sostituiti dai biglietti elettronici, gli e-tkt, che garantiscono il metodo più efficiente di emissione e gestione del trasporto aereo, migliorando inoltre il servizio per i viaggiatori.

Cos’è un biglietto elettronico? Un biglietto elettronico (e-ticket o ET) contiene in formato elettronico tutte le informazioni che prima venivano stampate sul biglietto cartaceo. L’unico foglio di cui si ha bisogno è “l’itinerary receipt” (in formato A4) che vi verrà consegnato assieme ai documenti di viaggio e che rappresenta la ricevuta del passeggero e la conferma dell’avvenuta emissione del biglietto aereo. Riporta tutti gli estremi dettagliati dei voli prenotati per vostro conto, il codice di conferma del vettore aereo, il numero di biglietto elettronico emesso e i vostri nominativi come da passaporto. Questo documento dovrà essere custodito con cura e presentato direttamente al banco di accettazione del volo. E’ importantissimo che al momento della prenotazione comunichiate il vostro nome esatto come da passaporto (anche secondo nome o cognome se li avete).

Articoli consentiti in cabina (bagaglio a mano):

  • un bagaglio a mano la cui somma delle dimensioni (lunghezza + altezza + profondità) non superi complessivamente i 115 cm (come previsto dal DM 001/36 del 28 gennaio 1987)
  • una borsetta o borsa porta-documenti o personal computer portatile
  • un apparecchio fotografico, videocamera o lettore di CD
  • un soprabito o impermeabile
  • un ombrello o bastone da passeggio
  • un paio di stampelle o altro mezzo per deambulare
  • articoli da lettura per il viaggio
  • culla portatile/passeggino e latte/cibo per bambini, necessario per il viaggio
  • articoli acquistati presso i “duty free” ed esercizi commerciali all’interno dell’aeroporto e sugli aeromobili
  • medicinali liquidi/solidi indispensabili per scopi medico-terapeutici e dietetici strettamente personali e necessari per la durata del viaggio. Per quanto riguarda i predetti medicinali liquidi è necessaria apposita prescrizione medica
  • liquidi, contenuti in recipienti individuali di capacità non superiore a 100 millilitri o equivalente (es. 100 grammi), da trasportare in una busta/sacchetto/borsa di plastica trasparente, richiudibile, completamente chiusa, di capacità non eccedente 1 litro (ovvero di dimensioni pari, ad esempio, a circa cm 18 x 20) separatamente dall’altro bagaglio a mano.

Nota: i liquidi in questione comprendono acqua e altre bevande, minestre, sciroppi, creme, lozioni e oli, profumi, spray, gel, inclusi quelli per i capelli e per la doccia, contenuto di recipienti sotto pressione, incluse schiume da barba, deodoranti, sostanze in pasta, incluso dentifricio, miscele di liquidi e solidi, mascara, ogni altro prodotto di analoga consistenza. Per busta di plastica/sacchetto trasparente richiudibile deve intendersi un contenitore che consente di vedere facilmente il contenuto, senza che sia necessario aprirlo e che sia dotato di un sistema integralmente sigillante, come zip oppure chiusure a pressione o comunque una chiusura che dopo essere stata aperta possa essere richiusa.

É raccomandabile includere nel bagaglio a mano l’occorrente per la notte e un golf, utili in caso di ritardata consegna del bagaglio all’arrivo. Attenzione invece a non includere coltellino multiuso, forbicine, tagliaunghie, ecc.

 

Bagaglio da spedire a seguito del passeggero

Si consiglia l’uso di lucchetto e di mettere un’etichetta con proprio nome e recapito anche all’interno del bagaglio.

Preghiamo leggere le informazioni date in ogni itinerario poiché le disposizioni spesso sono diverse e limitano ulteriormente il peso per motivi di sicurezza; se si superano i limiti imposti, questo può comportare un costo elevato.

 

Articoli vietati nel bagaglio

  • E’ vietato il trasporto nella stiva dei seguenti articoli:
  • esplosivi, fra cui detonatori, micce, granate, mine ed esplosivi
  • gas compressi (infiammabili, non infiammabili, refrigeranti, irritanti e velenosi) come i gas da campeggio, bombolette spray per difesa personale, pistole lanciarazzi e pistole per starter
  • sostanze infiammabili (liquide e solide) compreso alcool superiore a 70 gradi; sostanze infettive e velenose
  • sostanze corrosive, radioattive, ossidanti o magnetizzanti
  • congegni di allarme
  • torcia subacquea con batterie inserite

 

Modalità di reclamo:

In caso di MANCATA RICONSEGNA/DANNEGGIAMENTO del bagaglio registrato (il bagaglio consegnato al momento dell’accettazione e per il quale viene emesso il “Talloncino di Identificazione Bagaglio”) all’arrivo a destinazione si deve APRIRE UN RAPPORTO DI SMARRIMENTO O DI DANNEGGIAMENTO BAGAGLIO facendo contestare l’evento, prima di lasciare l’area riconsegna bagagli, presso gli Uffici Lost and Found dell’aeroporto di arrivo, compilando gli appositi moduli, comunemente denominati P.I.R – Property Irregularity Report.

 

SMARRIMENTO DEL BAGAGLIO – Se entro 21 giorni dall’apertura del “Rapporto di smarrimento bagaglio” non fossero state ricevute notizie sul ritrovamento, inviare tutta la documentazione di seguito specificata all’Ufficio Relazioni Clientela e/o Assistenza Bagagli della compagnia aerea con la quale si è viaggiato per l’avvio della pratica di risarcimento.

RITROVAMENTO DEL BAGAGLIO SMARRITO – In caso di ritrovamento del bagaglio, entro 21 giorni dalla data di effettiva avvenuta riconsegna, inviare tutta la documentazione di seguito specificata all’Ufficio Relazioni Clientela e/o Assistenza Bagagli della compagnia aerea con la quale si è viaggiato per l’avvio della pratica di risarcimento delle spese sostenute.

Documentazione necessaria per entrambi i casi:

  • il codice di prenotazione del volo in caso di acquisto via internet oppure l’originale della ricevuta in caso di biglietto cartaceo;
  • l’originale del P.I.R rilasciato in aeroporto;
  • l’originale del talloncino di identificazione del bagaglio e la prova dell’eventuale avvenuto pagamento dell’eccedenza del bagaglio;
  • un elenco del contenuto del bagaglio nel caso di bagaglio smarrito;
  • un elenco dell’eventuale contenuto mancante nel caso di bagaglio ritrovato;
  • gli originali degli scontrini e/o ricevute fiscali nei quali sia riportata la tipologia della merce acquistata (in relazione alla durata dell’attesa) in sostituzione dei propri effetti personali contenuti nel bagaglio;
  • indicazione delle coordinate bancarie complete: nome e indirizzo della Banca, codici IBAN, ABI, CAB, numero di C/C, codice SWIFT nel caso di conto estero e nome del titolare del conto corrente; se i suddetti dati non si riferiscono all’intestatario della pratica, specificare anche l’indirizzo di residenza, numero di telefono, numero di fax (se disponibile), l’indirizzo e-mail (se disponibile).

 

Importante – “Partenze da altre città”

La normativa aerea è estremamente complessa e articolata. Riteniamo quindi doveroso darvi alcune indicazioni, confermandovi che, comunque, tutto lo staff addetto alle prenotazioni resta a disposizione per informazioni, consigli, chiarimenti.

Le partenze da “altre città” diverse da quelle pubblicate in catalogo, sono quasi sempre possibili ma, soprattutto se non sono operate dallo stesso vettore della tratta internazionale, seguono disposizioni particolari che è giusto conoscere, anche perché eventuali ritardi/cancellazioni o altro non comportano responsabilità né dei vettori né della Kel12. Eseguiremo tutte le pratiche necessarie per farvi partire nel modo più comodo e dalla città che preferite, ma con le opportune avvertenze e informandovi che, se non esiste un accordo tra la compagnia che opera il volo internazionale e quelle che effettuano la prima tratta, devono essere emessi due biglietti differenti e questo comporta a volte la necessità di un doppio imbarco dei bagagli. Informandovi inoltre che la perdita del volo internazionale non comporta riprotezione, rimborsi o assunzione delle eventuali spese di hotel da parte della compagnia aerea e di Kel 12.

In base al Contratto di  Trasporto, i vettori faranno il possibile per trasportare i passeggeri e i bagagli con ragionevole speditezza. I vettori possono sostituire senza preavviso altri vettori e l’aeromobile, e possono modificare e omettere, in caso di necessità, le località di fermata indicate sul biglietto. Gli orari possono essere variati e non costituiscono elemento essenziale del contratto. I vettori non assumono responsabilità per le coincidenze.

 

INFORMAZIONI RELATIVE AL VIAGGIO

 

Documenti per l’espatrio

Ricordiamo che, considerata la variabilità della normativa in materia, le informazioni relative ai documenti di espatrio sono da considerarsi indicative e riguardano esclusivamente cittadini italiani e maggiorenni. Ogni partecipante è tenuto a controllare personalmente la validità del proprio passaporto (che normalmente non deve scadere entro sei mesi dalla data di ingresso nel paese), la presenza di diverse pagine libere (il numero varia a seconda dell’itinerario scelto e dunque visti necessari). Si consiglia di avere sempre con sé una copia conforme all’originale del passaporto e di eventuali vaccinazioni internazionali, e di tenerle separate dai documenti originali. L’impossibilità per il cliente di iniziare e/o proseguire il viaggio a causa della mancanza e/o dell’irregolarità dei prescritti documenti personali (passaporto, carta d’identità, vaccinazioni, etc.) non comporta responsabilità dell’organizzatore.

 

MARCA DA BOLLO ABOLITA DAL 24/6/2014

Dal 24 giugno 2014 è abolita la tassa annuale del passaporto ordinario da € 40,29. Pertanto tuti i passaporti, anche quelli già emessi, saranno validi fino alla data di scadenza riportata all’interno del documento per tutti i viaggi, inclusi quelli extra UE, senza che sia più necessario pagare la tassa annuale da € 40,29

 

www.poliziadistato.it/articolo/10301-Il_Rilascio/

 

Segnaliamo a chi viaggia con minori che posso esserci particolari limitazioni per ciascun paese riguardanti la necessità di avere copia CERTIFICATO di NASCITA, o altri documenti vi preghiamo di verificarlo con largo anticipo prima della partenza

 

Norme valutarie in Italia

Ai sensi del Reg. CE 1889/2005 del 26.10.2005 (aggiornamento del 15.06.2007) ogni persona fisica in entrata o in uscita dall’Unione Europea ha l’obbligo di dichiarazione in DOGANA delle somme di denaro contante e strumenti negoziabili al portatore trasportati d’importo pari o superiore a 10.000 euro.

 

Assicurazioni

Per quanto riguarda le disposizioni assicurative vi invitiamo a leggere con attenzione la relativa polizza. In caso di sinistro, malattia o infortunio durante il viaggio, Vi preghiamo di provvedere immediatamente a informare l’assicurazione comunicando il numero indicato nella polizza ricevuta con i documenti di viaggio.

 

Imprevisti

Gli itinerari pubblicati sono stati elaborati in modo da essere realizzati con puntualità e precisione. Particolari situazioni possono tuttavia determinare variazioni nello svolgimento dei servizi previsti: voli, orari, itinerari aerei e alberghi possono essere modificati a discrezione dei vari fornitori e sostituiti con servizi di pari livello. Il verificarsi di cause di forza maggiore quali scioperi, avverse condizioni atmosferiche, calamità naturali, disordini civili e militari, sommosse, atti di terrorismo e banditismo e altri fatti simili non sono imputabili all’organizzazione. Eventuali spese supplementari sostenute dal partecipante non potranno pertanto essere rimborsate, e non lo saranno le prestazioni che per tali cause dovessero venir meno e non fossero recuperabili. Inoltre l’organizzazione non è responsabile del mancato utilizzo di servizi dovuto a ritardi o cancellazioni dei vettori aerei.

 

Disservizi

Come indicato nelle Condizioni di Partecipazione, eventuali contestazioni in merito a difformità di prestazioni rispetto a quanto contrattualmente previsto, rilevate in corso di viaggio, dovranno essere riferite quando e se possibile al nostro rappresentante sul luogo. E’ comunque necessaria la notifica scritta a Kel 12 entro 10 giorni dalla data di rientro in Italia. Le eventuali richieste di rimborso relative a servizi non usufruiti saranno documentate da una dichiarazione che richiederete al rappresentate locale, e che attesterà il mancato godimento dei servizi stessi.

 

Convenzione CITES

Il 1° giugno 1997 è entrato in vigore il Regolamento Comunitario che dà attuazione alla Convenzione CITES di Washington a proposito d’importazione di animali e parti di animali protetti perché a rischio di estinzione. Sono previste multe fino a 130.000 euro per chi porta in Italia souvenir realizzati con animali protetti, animali vivi, anche se acquistati legalmente nel paese di origine.

 

Comunicazione obbligatoria ai sensi dell’articolo 17 della Legge n. 38/2006:

“La legge italiana punisce con la pena della reclusione i reati concernenti la prostituzione e la pornografia minorile, anche se gli stessi sono commessi all’estero”.

 

 

 

Data ultimo aggiornamento 15/03/2018