BHUTAN Festival di Paro

buthan_festival di paro
31 marzo – 12 aprile 2015
Itinerario in 13 giorni

Un viaggio dedicato al Bhutan, un paese fuori dall’ordinario dove è illegale comprare le sigarette, dove giganteschi falli dalle proprietà protettive sono dipinti sulle facciate di molte case, dove la felicità degli abitanti è più importante del prodotto interno lordo. Un regno medievale Buddhista che inevitabilmente deve confrontarsi con i tempi moderni, ma che cerca strenuamente di mantenere la sua identità culturale. L’itinerario si sviluppa nella zona centro occidentale del paese, su un altopiano ricoperto di boschi e incastonato in verdissime valli. Paro, Thimphu, Punakha, Gangtey, Trongsa, Bumthang, sono le principali località che vantano i più antichi e famosi Dzong del Bhutan, le fortezze-monastero sedi allo stesso tempo del potere religioso, politico e economico.
Tutto questo in occasione del Festival di Paro, suggestiva festa religiosa che si celebra ogni anno.
Il culmine della cerimonia è rappresentato dalle danze cham: i danzatori, con il viso coperto da meravigliose maschere, si muovono in cerchio al ritmo di tamburi, gong e trombe. Il festival é anche un incontro sociale dove la gente partecipa per gioire della compagnia e sfoggiare gli abiti tradizionali della festa.

 

PROGRAMMA DI VIAGGIO

1° giorno
Italia – Delhi
Partenza in serata da Milano Malpensa con volo di linea Air India diretto su Delhi. Cena e pernottamento a bordo.

2° giorno
Delhi – Kathmandu
Arrivo a Delhi al mattino e proseguimento in coincidenza per Kathmandu. Arrivo a Kathmandu (1.300 m) nel primo pomeriggio, espletamento delle formalità d’ingresso, accoglienza da parte dello staff locale e trasferimento in hotel. Resto del pomeriggio libero per relax e riposo. Cena libera. Pernottamento in hotel.

3° giorno
Kathmandu – Paro (Festival di Paro)
Dopo la prima colazione trasferimento all’aeroporto per il volo per Paro. Arrivo a Paro (2.280 m), espletamento delle formalità d’ingresso, accoglienza da parte dello staff locale e sistemazione in hotel. Pomeriggio dedicato alla visita di Paro: il Rinpung Dzong, uno degli dzong più importanti e famosi del paese, rappresenta forse il miglior esempio esistente di architettura bhutanese, le sue mura massicce dominano la città e sono visibili da ogni punto della valle; il Ta Dzong (il Museo Nazionale del Bhutan), un’antica torre di guardia, un edificio a pianta circolare con la forma di una conchiglia. Cena e pernottamento in hotel.

4° giorno
Paro (Festival di Paro)
Prima colazione e intera giornata dedicata al Festival di Paro. I festivals bhutanesi sono chiamati Tsechu. Gli Tsechu, eseguiti negli Dzong e nei monasteri del Bhutan, sono manifestazioni di più giorni in cui si rievocano la vita e gli insegnamenti di Guru Rinpoche, universalmente riconosciuto come il fondatore delle scuole del buddhismo tibetano. Lo Tsechu può essere compreso come un evento creato dai maestri spirituali per celebrare ed esporre i contenuti degli insegnamenti con la rappresentazione di temi che stimolano un corretto comportamento etico e affermano la capacità di annullare od esorcizzare la negatività che affligge persone ed eventi. Il culmine dello Tsechu è rappresentato dal Cham, uno straordinario insieme di musiche sacre e danze in costume, con maschere rituali, eseguite da monaci e da laici. Pensione completa e pernottamento in hotel.

5° giorno
Paro – il Monastero di Taktsang – Paro (Festival di Paro)
Presto al mattino si assiste alla manifestazione più importante del Festival di Paro, la cerimonia del Thongdrol: l’esposizione di una thanka gigantesca (un dipinto eseguito su tessuto) a cui vengono attribuiti particolari poteri. Il nome stesso fa intuire l’importanza di questa fase dello Tsechu: Thong significa guardare e Drol liberazione, ovvero, ottenimento della liberazione semplicemente guardando l’oggetto. Il Thongdrol viene solitamente esposto all’alba e riarrotolato prima che venga colto dai raggi del sole; i monaci eseguono delle cerimonie di purificazione e la gente si avvicina al Thongdrol cercando di toccarne il tessuto con il capo, sicuramente un momento di buon auspicio! Rientro in hotel per la prima colazione. Si procede per l’escursione al Monastero di Taktsang (circa 4 ore di cammino fra andata e ritorno, in alternativa è possibile noleggiare un cavallo per raggiungere il punto panoramico). Conosciuto anche come “Nido della Tigre”, il monastero è sempre stato considerato uno dei luoghi più sacri del regno. Si dice che il Guru Padmasambava (Rinpoche) sia volato qui nell’VIII° secolo sul dorso di una tigre per sconfiggere i demoni della regione di paro che si stavano opponendo alla diffusione del buddhismo. Pranzo nella caffetteria del punto panoramico. Pensione completa e pernottamento in hotel.

6° giorno
Paro – Thimphu
Dopo la prima colazione partenza per Thimphu l’attuale capitale del Bhutan, adagiata lungo le rive del fiume Wang, in una bellissima vallata. Arrivo a Thimphu e visita della città: il Trashi Chhoe Dzong sede del Segretariato, della sala del trono e di altri uffici del re, oltre che del Ministero degli Interni e di quello delle finanze; il Grande Chorten, con le statue delle divinità tantriche, costruito in memoria di Jigme Dorje terzo re del Tibet; la scuola di pittura; lo zoo del takin, l’animale nazionale del Bhutan, dall’aspetto curioso anche se non proprio bello; il Tempio di Changangkha del XV secolo. Pensione completa. Pernottamento in hotel.

7° giorno
Thimphu – Punakha
Partenza per Punakha lungo la pittoresca strada che valica il passo Dochu-La (3.100 m). Tra i 108 stupa disseminati sul passo potremo ammirare le cime innevate dell’Himalaya orientale. Punakha è l’antica capitale del Bhutan ancora oggi sede del potere spirituale, il Je Khempo, che qui si trasferisce durante i mesi invernali. Visita del Punakha Dzong, un immenso palazzo fortificato fondato nel 1637 come centro amministrativo e religioso. Nel pomeriggio camminata di circa mezz’ora attraverso i campi e un piccolo villaggio di campagna per raggiungere il Chimi Lhakhang, un tempio costruito in onore di Lama Drukpa Kunley, il “folle divino”, uno dei santi più venerati del Bhutan, dove lasciando una piccola offerta si può ricevere la benedizione dei falli in legno, avorio e pietra. Salita al chorten che domina la vallata, il Khamsum Yule Namgyel Monastery. Pensione completa e pernottamento in hotel.

8° giorno
Punakha – Trongsa – Bumthang
Al mattino presto partenza in direzione est verso il Bhutan centrale con l’attraversamento del passo Pele-La (3.420 m) sui Monti Neri. Lungo il percorso sosta al Chendebji Chorten, un grande stupa bianco simile allo Swayambhunath della valle di Kathmandu. Arrivo a Trongsa, uno dei più antichi centri religiosi del Bhutan, situato a 2.200 metri in una suggestiva cornice di montagne. Visita dell’interessante torre d’avvistamento Ta Dzong e del Trongsa Dzong, lo spettacolare edificio a più piani costruito in posizione strategica sulla strada di collegamento tra le regioni occidentali e orientali, e che offre splendide vedute sulla valle del fiume Mangde. Proseguimento per la suggestiva regione del Bumthang. Pensione completa e pernottamento in hotel.

9° giorno
Bumthang
La valle di Bumthang (2.580 m) fu la residenza del grande maestro buddhista Pema Lingpa, il più importante terton (scopritore di tesori) del Bhutan, nonché una delle reincarnazioni di Guru Rinpoche. Il Bumthang comprende quattro valli: Chokhor, Tang, Ura e Chhume, dove abbondano rustiche abitazioni, mulini ad acqua e lhakhang, “le dimore degli dei”. Dal momento che i templi più importanti si trovano nella grande valle di Chokhor, è questa la parte della regione comunemente definita valle del Bumthang. Visita del Jakar Dzong, del favoloso Jampey Lhakhang e del Kurjey Lhakhang. Per ultimo ci si reca al Lago Mebar, “il Lago Ardente”, una grande piscina naturale formata dal fiume, dove Pema Lingpa trovò il più prezioso dei tesori. Il laghetto è oggi considerato uno dei più sacri luoghi di pellegrinaggio buddhista in Bhutan.
Pensione completa e pernottamento in hotel.

10° giorno
Bumthang / Trongsa – Valle di Phobjikha
Partenza dopo la prima colazione per la Valle di Phobjikha, si ripercorre a ritroso l’itinerario dei giorni scorsi cercando di fissare negli occhi i paesaggi di monti e valli. Superato il passo Pele-La si lascia la strada principale e si procede verso sud, attraverso il passo Lawa-La (3.360 m), per fare ingresso nella valle di Phobjikha, una valle glaciale a 2.900 metri di altitudine alle pendici occidentali dei Monti Neri. Il terreno paludoso della valle è il perfetto habitat invernale per una numerosa colonia di gru collo nero. Si tratta di una specie rara a rischio di estinzione, che dall’altopiano del Qinghai, in Tibet, migra verso il Bhutan in autunno. I bhutanesi mostrano grande rispetto per questi “uccelli celesti” tanto da dedicargli un importante festival religioso. Alla fine di Febbraio, le gru, dopo aver volteggiato sopra il Gompa di Gangtey, ritornano attraverso l’Himalaya fino alla loro residenza estiva in Tibet. Pensione completa. Pernottamento in resort.

11° giorno
Valle di Phobjikha – Paro
Dopo la prima colazione partenza per Paro. Lungo il percorso sosta per la visita del Simtokha Dzong, antico complesso monastico, ora sede dell’Università Buddhista. Arrivo a Paro e visita del Kyichu Lhakang, uno dei più antichi e splendidi templi del Bhutan, fatto costruire nel 659 dal re tibetano Songtsen Gampo allo scopo di immobilizzare il piede sinistro di una diavolessa che cercava di impedire la diffusione del buddhismo. Vi si trova anche un chorten contenente le ceneri di Dilgo Khyense Rinpoche, venerabile maestro del buddhismo nyingma scomparso nel 1992. Pensione completa e pernottamento in hotel.

12° giorno
Paro – Kathmandu
Dopo la prima colazione trasferimento all’aeroporto per il volo per Kathmandu. Arrivo a Kathmandu, formalità d’ingresso, incontro con la guida locale e sistemazione in hotel. Pranzo libero. Nel pomeriggio visita del centro storico della città con il Palazzo Reale Hanuman Dokha, la Casa-Tempio della Dea Vivente e gli imponenti Templi di Shiva e Vishnu. Cena in ristorante tradizionale con spettacolo di danze folcloristiche. Pernottamento in hotel.

13° giorno
Kathmandu – Delhi – Italia
Dopo la prima colazione trasferimento all’aeroporto per il volo di linea Air India per Delhi. Arrivo a Delhi e proseguimento in coincidenza per Milano Malpensa con arrivo previsto in tarda serata.

 

––––––––––––––––––––––
ALTRE INFORMAZIONI
Sistemazioni previste: Pernottamenti in hotel standard di categoria turistica in Bhutan, hotel 5* a Kathmandu.

N.B. In Bhutan il turismo è gestito congiuntamente dal governo e dalle agenzie private. Attualmente è prevista una tariffa giornaliera imposta dal governo. Tale tariffa comprende l’alloggio in hotel di categoria turistica, i pasti, i trasporti via terra, i servizi delle guide e gli ingressi ai siti di interesse. La tariffa giornaliera viene applicata a tutti i tours indipendentemente dai luoghi visitati e dal tipo di alloggio fornito (a eccezione di alcuni alberghi superlusso a 5 stelle per i quali bisogna pagare un extra rispetto allo standard giornaliero). Questa clausola implica che soprattutto nei periodi di alta stagione, con molto afflusso turistico, possono essere assegnati hotel di categoria superiore o inferiore senza alcuna possibilità di influire sulla loro scelta. In genere gli hotel di categoria superiore vengono assegnati a chi prima effettua la conferma. Quindi in caso di conferma tardiva, si rischia di ottenere i peggiori hotel, soprattutto nelle località minori, che in alcuni casi non garantiscono i servizi privati.

Trasporti
Si utilizzano minibus di diverso modello in base al numero di partecipanti.

Organizzazione
Guide locali parlanti inglese. Accompagnatore dall’Italia con un minimo di 8 partecipanti. Sono possibili partenze individuali tutti i giorni.

Clima
Il periodo migliore per visitare sia il Bhutan che il Nepal va da Settembre ad Aprile, durante la stagione secca, quando il cielo è solitamente terso e le alte cime montuose si ergono sullo sfondo del vivido cielo blu. In Febbraio le temperature medie variano tra un minimo di 0°C e un massimo di 20°C. In Nepal le temperature medie sono leggermente più alte.

Disposizioni sanitarie
Non è obbligatoria alcuna vaccinazione. Si consiglia comunque di informarsi presso l’Ufficio d’Igiene provinciale.

Formalità burocratiche
Passaporto individuale in corso di validità e valido almeno 6 mesi. Sia per l’ingresso in Nepal che in Bhutan è richiesto il visto consolare che si ottiene all’arrivo in aeroporto. Per il Bhutan le richieste di visto devono essere inoltrate all’Autorità per il Turismo del Bhutan (Tourism Authority of Bhutan – TAB) tramite la nostra organizzazione. Occorre inviare la fotocopia del passaporto almeno un mese prima della partenza. Dopo la notifica dell’approvazione e la ricevuta del pagamento di tutti i costi relativi, il visto viene emesso quando si arriva nel paese. In realtà, si tratta di un sistema estremamente efficiente.

Caratteristiche del viaggio e grado di difficoltà
Viaggio di spiccato interesse culturale relativo al mondo buddhista. Viaggio non particolarmente faticoso, ma che richiede un certo spirito di adattamento dato che in Bhutan si viaggia in un paese recentemente organizzato per ricevere il turismo. Le strade asfaltate rendono i trasferimenti piacevoli pur attraversando terreni montagnosi.

 

QUOTAZIONE PER PERSONA
con partenza da Milano o Roma:

Partenze di gruppo
> € 3.420 base 11-14 partecipanti
con guida in inglese e tour leader italiano;
> € 3.600 base 8-10 partecipanti
con guida in inglese e tour leader italiano.

 Da aggiungere:

  • partenze da altre città su richiesta
  • supplemento singola: € 330
  • tasse aeree e security surcharge € 380 (circa)
  • copertura assicurativa “all inclusive”
  • (assistenza sanitaria, rimborso spese mediche, bagaglio,
  • infortuni, “rischio zero”) incluse spese amministrative € 79
  • costo individuale gestione pratica € 80
  • visto consolare (Bhutan) USD 45
  • visto consolare Nepal multiple entry (da pagare in loco) USD 25

Facoltative:

  • assicurazione annullamento viaggio facoltativa
  • comprensiva dell’assicurazione integrativa medico/bagaglio 4,5%
  • assicurazione integrativa facoltativa medico/bagaglio
  • (per aumentare da € 15.000 a € 55.000 il rimborso delle spese
  • mediche in loco e da € 750 a € 1.500 il rimborso bagaglio) € 45
  • Data di partenza: (a) da martedì 31 Marzo a Domenica 12 Aprile 2015 (alta stagione servizi locali)

La quota comprende:
i voli internazionali e locali di linea in classe economica, trasferimenti privati da e per gli aeroporti, trasporti a terra con minibus, guide locali di lingua inglese, accompagnatore italiano per minimo 8 partecipanti, i pernottamenti negli hotel di categoria turistica standard in Bhutan in pensione completa, i pernottamenti in hotel 5* a Kathmandu, l’ultima cena in Nepal, gli ingressi ai musei e monasteri, dossier culturale / informativo sul paese, omaggio da viaggio.

La quota NON comprende:
i pasti in Nepal, le bevande durante tutti i pasti, le mance e gli extra personali, i visti d’ingresso in Nepal (USD 25 da pagare in loco) e Bhutan (USD 45), le polizze contro le penalità di annullamento viaggio e per l’aumento dei massimali di rimborso spese mediche/bagaglio (facoltative), tutto quanto non espressamente specificato.

N.B. Per le prenotazioni effettuate almeno 90 giorni prima della partenza, confermate dietro versamento dell’acconto di viaggio, verrà accordata, senza costi aggiuntivi, la polizza contro le penalità di annullamento viaggio e la polizza integrativa per aumentare i massimali di rimborso medico/bagaglio. Per le partenze individuali l’importo del biglietto aereo è escluso dalla promozione.

NOTE IMPORTANTI

  • La quotazione è calcolata col valore del rapporto di cambio USD / Euro = 0,73 in vigore nel mese di Giugno 2014. In caso di oscillazioni del cambio di +/-3% a 20 giorni dalla data di partenza sarà effettuato un adeguamento valutario.
  • Per ragioni tecnico-organizzative in fase di prenotazione o in corso di viaggio l’itinerario potrebbe subire delle modifiche, mantenendo invariate quanto più possibile le visite e le escursioni programmate.
  • Le tariffe aeree prevedono classi di prenotazione dedicate, soggette a disponibilità limitata di posti. Al momento della prenotazione, in caso di non confermabilità della tariffa utilizzata per la costruzione del prezzo del viaggio, comunicheremo il supplemento.
  • Molte compagnie aeree prevedono l’emissione immediata del biglietto. In tal caso vi informeremo all’atto della vostra conferma e procederemo alla emissione. L’acconto dovrà includere anche l’importo intero del biglietto, che non sarà rimborsabile, e le penali del viaggio in questione derogheranno dalle nostre pubblicate.
  • L’importo delle tasse aeree dipende dal rapporto di cambio del USD e del costo del petrolio, stabilito dalle compagnie aeree. Il valore esatto viene definito all’atto dell’emissione dei biglietti aerei.
  • Per lo svolgimento di alcuni nostri programmi è necessario l’utilizzo di voli interni operati da compagnie locali non conformi ai requisiti della Comunità Europea, indicate all’interno di un elenco comunitario. Le assicurazioni europee non coprono i disservizi a esse correlati.