Back to Top
Ragusa-Ibla-L

“Terra divina è dunque la Sicilia, recando in seno le ultime dimore degli Dei”

La Sicilia è un’isola dove ogni sguardo crea una visione. Alcune visioni rendono l’esperienza del viaggiatore più avvincente. Un itinerario non solo di luoghi, ma di spazi naturali, di profumi, di colori, di sapori; un viaggio che fisserà nella vostra mente il miraggio di una terra dal fascino indescrivibile.

Scopriremo la ricchezza del barocco del Val di Noto, così chiamato perchè dal periodo normanno fino alla sua abolizione nel 1812, era una circoscrizione amministrativa che si occupava di giustizia, erario e delle milizie del Regno di Sicilia. Prende infatti il suo nome dalla città di Noto, nella provincia di Siracusa, dove probabilmente vi era la sede del governatore del Vallo.

Partiremo da Noto, la città 'giardino di pietra' patrimonio Unesco dal colore dorato che la pietra con cui è stata costruita le dona al tramonto. Il barocco di Noto pervade l'intera città: gli elementi barocchi non sono isolati all'interno di un contesto urbano caratterizzato da diversi stili, ma sono collegati tra di loro in modo da realizzare quella che è stata definita la 'perfetta città barocca'.
La cittadina di Palazzolo Acreide, città barocca dalle radici greche di cui conserva ancora, nel parco archeologico Akrai, uno splendido teatro greco. Situata nei Monti Iblei, dal 2002 è patrimonio Unesco insieme con il Val di Noto.
Raggiungeremo Ragusa e Modica, massima espressione del barocco ragusano, sviluppatosi sontuoso e prepotente dopo il disastroso terremoto del 1693 ed oggi rientrante tra i patrimoni mondiali dell’Unesco.
Ma gli Iblei non sono solo barocco: visitare queste zone significa ritrovare la Sicilia più genuina: infiniti muretti a secco, balle di fieno ammassate nei campi, spiagge dalla sabbia finissima e mare dalle acque cristalline. E ancora enogastronomia, vestigia greche, siti archeologici di enorme interesse e bellezza.

Visiteremo la città più importante della Magna Grecia: Siracusa. La città vecchia Ortigia e il suo grande Parco Archeologico sono tappe essenziali di qualsiasi viaggio in Sicilia.
Ci spingeremo sempre più a sud per raggiungere la Riserva Naturale di Vendicari ed i resti dell'antica tonnara che come un tempio conserva ancora la pavimentazione, le colonne intatte e le vasche in cui veniva fatta la mattanza. Ed ancora Marzamemi, affascinante borgo diventato più volte scenografia di film e fiction con la sua piccola piazza circondata da ristorantini colorati e piccole botteghe artigiane, e ammireremo la finezza dei mosaici della Villa del Tellaro di eccezionale fattura di scuola nordafricana.

Un viaggio alla scoperta di un territorio ricco di cultura e paesaggi bucolici accompagnati dal racconto della nostra esperta guida culturale siciliana tra aneddoti e curiosità locali.

PROGRAMMA DETTAGLIATO

1° Giorno

Arrivo a Catania e trasferimento a Siracusa

Arrivo in autonomia all'aeroporto di Catania e trasferimento a Siracusa (un autobus pubblico collega in un' ora circa l'aeroporto a Siracusa. Transfer privato su richiesta).
Sistemazione in Hotel 4* nel centro storico di Siracusa.

Cena libera.

2° Giorno

Siracusa la città greca

Incontro con la nostra guida culturale presso la hall dell'hotel.

In mattinata visita di Siracusa, città dalla storia immensa, la più grande e più bella delle città greche; l'Ortigia ed il suo grande Parco Archeologico sono tappe essenziali di qualsiasi viaggio in Sicilia. “La città costruita su un isolotto e separata dalla terraferma…è piccola, graziosa, poggiata sulla costa, con giardini e passeggiate che scendono fino agli arenili”.

L'isola di Ortigia è stata il centro di Siracusa per circa 2700 anni e, dopo un periodo di abbandono e degrado, ha visto una forte rinascita segnata da progetti di restauro urbanistico e la nascita di attività economiche ed artigianali, locali alla moda e piccole botteghe che hanno rivitalizzato l'intera area. Lungo la nostra passeggiata vedremo i resti del tempio di Apollo (565 a.C. Circa), il primo in stile dorico ad essere stato costruito dai greci in Sicilia. Passando da Piazza Archimede arriveremo nella bella Piazza del Duomo, ricavato chiudendo gli spazi fra le colonne di un tempio dorico  del quinto secolo avanti Cristo. Camminando per le strette vie scopriremo il quartiere ebraico e visiteremo in esclusiva per il nostro gruppo il 'Miqwè', il bagno di purificazione rituale ebraico, di epoca bizantina. Situato nei sotterranei di un edificio patrizio che oggi ospita un hotel e rinvenuto durante i restauri attraverso la scoperta di una galleria che conduce a questo luogo sotterraneo. Secondo approfonditi studi, questo "Miqweh" è il più antico di tutte le Sinagoghe europee poichè risalirebbe al VI secolo d.C. Inoltre, è fra gli unici bagni rituali in Europa che conservi a tutt’oggi la sua integrità e il suo fascino.

Pranzo libero.

Visita guidata al Parco Archeologico di Siracusa dove ci troveremo di fronte ad uno dei reperti più importanti: l'Ara di Gerone II (241-217 a.C.), ampio altare sacrificale, il più grande della Magna Grecia. Arrivato ai nostri giorni in ottime condizioni, nonostante i saccheggi, il Teatro Greco, spettacolare, unico nel mondo antico per la eccezionale vista sul porto e sull'Ortigia. Riprende vita ogni anno per le rappresentazioni a cura dell'Istituto Nazionale del Dramma Antico.

Entreremo nella gigantesca e suggestiva latomia chiamata l'Orecchio di Dioniso, che fu utilizzata anche come prigione e deve il suo nome ad una osservazione del Caravaggio.

Cena libera. Pernottamento in Hotel 4* a Siracusa.

 

3° Giorno

Dal sito archeologico di Noto antica alla Noto barocca Patrimonio Unesco

Giornata intera dedicata alla visita di Noto: archeologia barocca e natura, sfarzo architettonico e pittoreschi quartieri popolari sono gli ingredienti della giornata.

La storia inizia da Noto antica, distrutta dal terremoto nel 1693 che ne decretò il successivo abbandono. Il sito ci permetterà di ricostruirne la storia arrivando poi alla città nuova costruita nel '700 dove, percorrendo le vie del centro, ammireremo i luoghi più suggestivi; perla barocca ricamata nel tenero calcare mielato “la sua urbanistica arieggia di più delle grandi ville romane, gli accorgimenti, gli squarci improvvisi, le prospettive a perdita d’occhio, le terrazze, gli inviti fanno della città un giardino di pietra”.

Pranzo libero.

Per la ricostruzione di Noto furono chiamati grandi architetti, quasi tutti formatisi a Roma ed al gusto barocco del tempo dando vita ad un lavoro stupendo dalle luminose architetture e dalle calde tinte. Una passeggiata con la nostra guida sarà l'occasione per godere ed ammirare questo elegante centro storico che ha valso l'iscrizione tra i Patrimoni Unesco.

Palazzo Nicolaci dei principi di Villadorata, residenza nobiliare urbana della famiglia Nicolaci, che ha mantenuto ancor oggi parte della proprietà, cedendone un'altra al Comune di Noto per le visite. Magnifico il Salone delle feste sfarzosamente decorato; il palazzo è decorato da diverse balconate, magnificamente scolpite con le sembianze di leoni, putti, centauri, sfingi ed altro che vi divertirà scoprire.

Rientro a Siracusa. Cena libera. Pernottamento in hotel 4*.

 

4° Giorno

Archeologia e storia: Palazzolo Acreide

Incontro con la guida e trasferimento in pulmino privato alla perla degli Iblei orientali: Palazzolo Acreide, l’antica Akrai. Il parco archeologico con il teatro, il bouleterion, le latomie dell’Intagliata e dell’Intagliatella “con un giardino vasto e profondo diviso da archi, rocce enormi e racchiuso in dirupi bianchi” forma, secondo Tucicide, la più antica delle subcolonie di Siracusa, si trova nella zona più occidentale dell’altipiano posto tra le valli del Tellaro a sud e dell’Anapo a nord ed occupava un posto di controllo e strategico. L’impianto urbano, con le sue tre fasi edilizie arcaica, ellenistica e romana, è venuto alla luce con gli scavi di inizio '800 condotti dall'archeologo Gabriele Judica. Ad est del teatro sono le latomie, trasformate in età cristiana e bizantina in sepolcri e successivamente in abitazioni.

Pranzo libero.

Percorreremo le vie della città attuale, Patrimonio Unesco, con i suggestivi scorci e gli edifici barocchi per scoprire i luoghi ed i monumenti più significativi e visiteremo la Casa–Museo Antonino Uccello, appassionato studioso della cultura popolare siciliana e delle tradizioni orali, all'interno importanti strumenti di lavoro e manufatti della civiltà contadina.

Rientro a Siracusa.

Cena libera. Pernottamento in hotel 4*.

5° Giorno

Porti e tonnare: la riserva naturale di Vendicari, il porticciolo di Marzamemi ed i mosaici della Villa del Tellaro

Incontro con la guida e trasferimento in pulmino privato verso il sud est della Sicilia, per visitare la Riserva Naturale di Vendicari; una facile escursione ci porterà ad attraversare la riserva, un ambiente bellissimo e perfettamente conservato e protetto “fra le grandi erbe volteggiano, ondeggiano, galleggiano innumerevoli libellule dalle ali di vetro”. Ammireremo la Torre Sveva e i resti della tonnara, di origine antica che interruppe la sua attività con l'arrivo degli alleati nella seconda guerra mondiale. Una struttura di grande fascino evocativo con i suoi cento metri di lunghezza e gli svettanti pilastri che sorreggevano il tetto.

Pranzo libero.

Ancora più a sud, al confine ultimo del nostro Paese, per scoprire Marzamemi, uno dei borghi marinari più belli d'Italia “al tramonto del sole guardate nella rada, un piroscafo appena arrivato porterà i vostri pensieri verso l’Africa”.

La giornata si conclude con visita della villa romana del Tellaro, capolavoro del IV secolo abbellita da splendidi e raffinati mosaici di età imperiale, scoperta all'inizio degli anni settanta sui ruderi di una masseria abbandonata.

Rientro a Siracusa.

Cena libera e pernottamento in Hotel 4* a Siracusa.

 

6° Giorno

Ragusa Ibla, Scicli, Modica: pietre dorate del barocco

Incontro con la guida e trasferimento con pulmino privato a Ragusa Ibla che si inerpica “in strade storte, anguste e rovinose dove la piazza è grande, animata e copiosa di eccellenti e vistosi palazzi con la chiesa di San Giorgio che si può annoverare tra gli edifici con un grado di appariscenza e grandezza non comune”.

La bellezza della piazza principale è indiscutibile con i numerosi palazzi nobiliari in stile barocco e rinascimentale, dove troviamo anche il Circolo di Conversazione, dai colori pastello in stile dorico-romano, citato dalla scrittore Gesualdo Bufalino come il tipico circolo siciliano del XIX secolo frequentato dallo nobiltà locale. Più volte è stata scelto come scenario per le inchiesta del commissario Montalbano.

A seguire visita di Sciclicon le piazze, le strade, gli edifici di ogni maniera che annunziano un notevole grado di pubblica ricchezza”. Incantevole cittadina, centinaia di abitazioni in pietra calcarea spuntano tra i vicoli; guardatevi attorno alla scoperta dei meravigliosi mascheroni tardobarocchi, forme fantasiose tra gioco ed ironia che abbelliscono i balconi e le chiavi d'arco degli ingressi. Straordinaria la Festa dell'Uomo Vivo che si svolge nel giorno di Pasqua, chiamata anche la Gioia, rito affascinante, frenetico, entusiasmante dai contorni quasi erotici che coinvolge tutta la città.

Nel pomeriggio Modica “città dove il teatro è il paese, con le sue cento chiese, i suoi campanili, con le sue forme barocche simili alle crete di Caltagirone, odorosa di gelsomino sul far del tramonto nelle tortuose scalinate e nelle piazze dal profilo avventuroso”. Dette i natali a Salvatore Quasimodo, premio Nobel per la letteratura, che la definì “terra impareggiabile”.

A Modica immancabili i dolci assaggi di ricami di cioccolato, granuloso e friabile, coniugato con i vari aromi della tradizione sicula.
Rientro a Siracusa. Cena in ristorante.

Pernottamento in Hotel 4* a Siracusa.

7° Giorno

Partenza

Mattinata libera per il rientro alle città di provenienza.

Bene a sapersi

  • L’itinerario prevede spostamenti a piedi e passeggiate che non richiedono particolare allenamento.
  • Per alcuni spostamenti utilizzeremo un pulmino privato con autista
  • I pranzi si svolgono in ristoranti e trattorie selezionati per degustare la tipicità della cucina locale.
  • Le cene sono libere per permettere a tutti piena liberà nella scelta dei ristoranti di cui vi suggeriremo alcuni posti da non perdere.
  • L’ordine delle visite potrà essere modificato.
  • L' aeroporto di Catania è collegato a Siracusa con un bus (tempo di percorrenza 1 ora e 15 min.). Costo A/R € 9,60. Su richiesta sarà possibile prenotare un transfer privato con autista al costo di € 60 per tratta (3 persone per auto).

• QUOTE IN FASE DI ELABORAZIONE

La quota comprende:

  • Sistemazione in hotel 4****S in centro storico a Siracusa
  • pulmino privato dal 2° al 6° giorno per escursioni
  • guida locale esperta
  • ingressi
  • cena del 6° giorno

La quota NON comprende:

  • voli e transfer da/a aeroporto Fontanarossa di Catania
  • pranzi e cene (esclusa la cena del 6° giorno)
  • tassa di soggiorno € 2 a notte per persona da pagare in contanti al momento del check out
  • acquisti di carattere personale
  • mance

Algilà Ortigia Charme Hotel 4****S

Nel cuore di Ortigia, centro storico della città di Siracusa sorge Algilà Ortigia Charme Hotel, raffinato palazzo del XIX secolo interamente ristrutturato. Affacciato sull'antica Mastra Rua, gode di una splendida vista sul celebrato mare di Ortigia. Gli edifici che lo compongono creano una movimentata distribuzione degli ambienti. Le camere sono arredate tutte in maniera differente, con mobili d’epoca e preziose maioliche variopinte, di antico disegno siciliano.